Packtin, nuova vita per gli scarti agroalimentari

Nata dalla volontà di rispondere all’esigenza sempre maggiore di ridurre lo spreco alimentare e di preservare l’ambiente che ci circonda, la start-up Packtin, spin-off dell’Università di Modena e Reggio Emilia, è una giovane realtà che affonda le sue radici in anni di ricerca e sperimentazioni sugli imballaggi commestibili e nell’impiego del modello di bioeconomia circolare per realizzare un business 100% Made in Italy e sostenibile, combinazione di circolarità e innovazione, che utilizza i prodotti di scarto industriale della filiera agroalimentare per creare pellicole, gel e packaging commestibile.

Infatti il suo claim recita:

Economy meets circularity

Packtin

Il business di Packtin, infatti, è altamente sostenibile e si fonda su un processo produttivo circolare, che prevede la realizzazione di prodotti come pellicole e rivestimenti biodegradabili e commestibili che migliorano la conservazione degli alimenti freschi, mediante la reimmissione nel ciclo produttivo di scarti e di sottoprodotti della filiera agro-alimentare (bucce di arancia, mela, pomodoro, polpa di barbabietola etc.) che vengono valorizzati, ottenendo materie prime di elevata qualità, i biopolimeri, volti alla realizzazione di prodotti biodegradabili, tutto nel rispetto delle normative vigenti.

I prodotti ottenuti, innovativi e sostenibili, producono diversi benefici sia a favore dell’ambiente che delle persone: l’utilizzo di estratti naturali per la loro produzione, infatti, riduce gli sprechi e l’utilizzo di imballaggi plastici, comportando una riduzione dell’impatto ambientale, mentre aumenta la sicurezza delle persone, grazie all’utilizzo di pellicole e rivestimenti biodegradabili e commestibili, e migliora la conservazione degli alimenti freschi e della loro qualità.

La costituzione di questa startup, inoltre, vuole rappresentare una valida risposta a tre sfide che devono essere affrontate a livello mondiale, al fine di realizzare un modello di sviluppo sostenibile:

  • la riduzione dello spreco alimentare;
  • il risparmio di materie prime e di energia ( in particolare nei processi di smaltimento del packaging);
  • l’avvio di un circolo virtuoso in cui i materiali impiegati sono di origine organica.

Usando diverse combinazioni degli scarti della filiera agro-alimentare, Packtin realizza una serie di prodotti per eterogenee applicazioni alimentari tra cui:

  • Long Ripe: è un rivestimento naturale pensato per essere utilizzato nella fase di post raccolta di frutta e verdura. L’azione protettiva svolta dalle sue fibre rallenta la maturazione dei prodotti e impedisce lo sviluppo di muffe, diminuendo la percentuale di scarti e aprendo nuove prospettive per l’export. Attualmente, il prodotto è in fase di brevettazione e risulta particolarmente efficace sui pomodori;
  • Shell pec: è un rivestimento di origine organica che aumenta la sicurezza dei cibi. Particolarmente indicato contro la contaminazione della salmonella nelle uova e altri agenti patogeni;
  • Frutti Fresh: è un rivestimento naturale completamente invisibile agli occhi del consumatore che impedisce l’ossidazione e la degradazione della frutta ready-to-eat. Questo rivestimento garantisce la conservazione della frutta fino a tre giorni dopo il taglio, evitando che ne venga alterato il gusto e la texture;
  • Gel edibili e conservanti: sono preparati alimentari specifici per carni macinate che non solo migliorano la conservazione della carne in frigo, ma contribuiscono anche a mantenerne le proprietà organolettiche;
  • Detergenti per l’industria del cibo: sono detergenti naturali brevettati appositamente per la pulizia degli impianti industriali, efficaci nel contrastare muffa, batteri e virus.

Durante i suoi primi anni di attività, Packtin ha ricevuto diversi riconoscimenti, segnale indiscutibile della rilevanza dell’attività della startup nel contribuire a generare modelli di business sostenibili, attenti, dunque, al benessere delle persone e dell’ambiente. Tra i vari riconoscimenti ottenuti vi sono: il Premio Demetra per l’Innovazione e il Premio “Best Solution for a Better World” nell’ambito di Seeds&Chips 2018; inoltre, Packtin è stata designata anche beneficiario del Bando 2017 per le Start-up Innovative della regione Emilia-Romagna.

Se questo articolo ti è piaciuto condividilo sui tuoi canali social, lasciaci un feedback e continua a seguire TheBEStrend sulle pagine social ufficiali!

A presto,

Sara